Impianti zigomatici: la soluzione per chi non ha più l’osso

Impianti zigomatici: la soluzione per chi non ha più l’osso

Molti pazienti si rivolgono a noi con questo problema: hanno perso non solo i denti, ma anche tutto l’osso che li sosteneva con l’impossibilità di portare quindi sia una protesi totale amovibile che una protesi fissa su impianti. Si sono poi sentiti dire: “Non c’è più niente da fare”, oppure gli è stato suggerito di ricorrere a complessi, invasivi interventi chirurgici di ricostruzione ossea su cui realizzare, solo in seguito e solo in caso di successo, gli impianti. Questo approccio è stato ormai rivisto grazie ad un’innovazione importante: l’implantologia zigomatica.

Quando è necessaria l’implantologia zigomatica

L’implantologia zigomatica è una risposta assolutamente sicura ed efficace per quelle persone che hanno perso completamente o quasi l’osso mascellare. Le cause che portano a questa infelice condizione della recessione dell’osso possono essere molte: la più comune è quella della parodontite grave, ma non sono rari i pazienti che si rivolgono a noi con altro genere di problematiche: un trauma subìto, precedenti interventi chirurgici orali che purtroppo non sono andati a buon fine , resezioni ossee postumorali, malformazioni craniofacciali.
Tutte queste situazioni possono compromettere in maniera irreversibile l’osso mascellare, rendendolo di fatto inutilizzabile per le sue funzioni principali: quella di sostenere i denti e, nel caso di necessità, gli impianti dentali per supportare una protesi fissa.
Nessuna speranza allora? Tutt’altro!

Come funziona l’implantologia zigomatica

L’implantologia zigomatica non è un intervento di implantologia classico, ma una tecnica chirurgica complessa ed è per questo che è importante che venga eseguita da mani esperte.
Non è comunque un intervento particolarmente doloroso: sono sufficienti i comuni farmaci antidolorifici (es. ibuprofene) ed è possibile avere dei denti fissi 24 ore dopo.
Per spiegarlo in maniera più semplice: si sfrutta l’osso dello zigomo, non lontano dal mascellare, su cui vengono fissati dai 2 ai 4 impianti per recuperare in maniera permanente la possibilità di protesizzare con dei denti fissi l’arcata mascellare .
Il tutto evitando di ricostruire quindi l’osso mascellare compromesso con innesti ossei, con interventi più invasivi che richiedono lunghi tempi di attesa e possibilità di fallimento.

Nel video qui sotto, puoi vedere la spiegazione chiara e dettagliata del direttore della Chirurgia Maxillo Facciale a Milano, Francesco Grecchi:

Come sapere se l’implantologia zigomatica fa per te

Non consigliamo mai alcun intervento “a scatola chiusa”: per questo la prima cosa da fare è fissare un appuntamento  nei nostri studi tra Rovigo e Legnago, per valutare la tua condizione di partenza. La prima visita e la valutazione dell’intervento sarà effettuata dal nostro chirurgo Alberto Becattelli, che è tra i pochi specialisti di implantologia zigomatica di Rovigo e Badia Polesine. Sarà lui a consigliarti come procedere.

Dopo un’attenta valutazione della bocca, qualora sussistano le condizioni, tenendo conto anche delle eventuali complicazioni, verranno prescritti gli esami necessari per stabilire la miglior strategia di intervento.

L’implantologia zigomatica ottiene un successo molto alto, più del 98% a dieci anni  tenendo sempre conto che i successi in implantologia sono dovuti in gran parte alla capacità del paziente di seguire con precisione le indicazione relative all’igiene orale quotidiana, ad un sano stile di vita, ed al rispetto dei controlli periodici.

Vuoi prenotare la prima visita, gratuita e senza impegno? Contattaci.

Ti è piaciuto il nostro articolo? Ne abbiamo molti di più: scopri tutti gli articoli del nostro blog!

undefinedundefined

Commenti